Studio Legale Valla

Lunedì 12 Aprile 2021
Covid, cura a domicilio: per il giudice amministrativo «medico deve agire secondo scienza e coscienza»
un contributo dell'Avv. Roberta Valla tratto dall'approfondimento giuridico-economico della Gazzetta del Mezzogiorno nella rubrica "La Bilancia e il Bilancio"

Covid, cura a domicilio: per il giudice amministrativo «medico deve agire secondo scienza e coscienza»

I TAR di tutta Italia e i medici di famiglia stanno invocando tutela del proprio diritto a prescrivere le terapie ritenute più efficaci per i pazienti non ospedalizzati

Dopo più di un anno dall’inizio della terribile pandemia da Covid 19, che continua a mettere a durissima prova la tenuta del Sistema Sanitario Nazionale, la comunità scientifica è unanime nel ribadire che il virus deve essere combattuto a casa, durante le prime e più delicate fasi, nelle quali la tempestività risulta determinante per scongiurare il rapido aggravamento dei sintomi. Ed è per questo che nei TAR di tutta Italia i medici di famiglia stanno invocando tutela del proprio diritto a prescrivere le terapie ritenute più efficaci per i pazienti non ospedalizzati.

Con ordinanza del 2 marzo scorso, il TAR del Lazio ha accolto l’istanza cautelare promossa dal Comitato cura domiciliare Covid 19, nei confronti del Ministero della salute e di AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco), sospendendo la nota del 9 dicembre 2020 recante “principi di gestione dei casi covid19 nel setting domiciliare” consistenti unicamente, secondo le linee guida contenute nella nota ritenuta illegittima, in una “vigile attesa” e nella somministrazione di antifiammatori o paracetamolo.

Il giudice amministrativo ha accolto le istanze dei medici ricorrenti, evidenziato l’importanza di preservare l’autonomia decisionale del medico – tutelata dalla Costituzione e dalla legge - ribadendo che “i medici di base hanno il diritto-dovere, avente giuridica rilevanza sia in sede civile, sia penale, di prescrivere i farmaci che essi ritengono più opportuni secondo scienza e coscienza e che non può essere compresso nell’ottica di una attesa, potenzialmente pregiudizievole sia per il paziente che, sebbene sotto profili diversi, per i medici stessi”.

In realtà, sul tema si era già in parte espresso il Consiglio di Stato, a seguito dell’impugnazione delle raccomandazioni di Aifa nelle quali veniva vietata la somministrazione della idrossiclorochina – un farmaco antimalarico- sulla scorta di studi clinici randomizzati, ritenuti dal Consiglio di Stato non sufficienti, sul piano giuridico, a giustificare “l’irragionevole sospensione del suo utilizzo sul territorio nazionale da parte dei medici curanti”. Già in quella occasione i giudici di Palazzo Spada, in riforma della precedente ordinanza numero 7069 del 16 novembre 2020 del Tar Lazio, aveva evidenziato che la scelta se utilizzare o meno il farmaco, in una situazione di dubbio e di contrasto nella comunità scientifica, sulla base di dati clinici non univoci, dovesse rimettersi all’autonomia decisionale e alla responsabilità del singolo medico, con l’ovvio consenso informato del singolo paziente, e non ad una astratta affermazione di principio, in nome di un modello scientifico puro, declinato da AIFA con un aprioristico e generalizzato, ancorché temporaneo, divieto di utilizzo.

Ferma restando la necessità, ben scolpita nelle pronunce citate, di tutelare il diritto del medico a curare il paziente secondo “scienza e coscienza”, le decisioni del giudice amministrativo confermano l’esigenza di definire linee guida uniformi e fondate su tesi accreditate dalla comunità scientifica, pure nel rispetto della autonomia del medico davanti alla malattia e al caso concreto.

covid-cura-a-domicilio-per-il-giudice-amministrativo-medico-deve-agire-secondo-scienza-e-coscienza.html


Condividi
NEWS
Venerdì 07 Maggio 2021
Diniego di rinnovo della licenza di porto per uso caccia: l'amministrazione non può decidere in base a meri sospetti e supposizioni immotivate
TAR Bari, Sez. II, sent. n. 812/2021 del 7.5.2021 in tema di rinnovo e rilascio di licenze uso caccia "non può darsi spazio a meri sospetti, supposizioni, o a posizioni prudenziali immotivate, soprattutto in sede di rinnovo di un permesso, invero detenuto il titolo di polizia da decenni, senza alcuna menda, quando non vi siano concreti elementi che depongano in senso contrario".
Mercoledì 17 Marzo 2021
Appalto di fornitura di prodotti sanitari: i gel idroalcolici devono essere Presidi Medico Chirurgici "disinfettanti" e non semplici "igienizzanti"
TAR Friuli Venezia Giulia, SEZ. I, sent. n. 41/2021 del 13.3.2021- CERICHEM Biopharm s.r.l. (Avv.ti Giacomo Valla e Roberta Valla) c. A.R.C.S e Diversey S.P.A. - "L’indicazione “presidio medico-chirurgico”, costituisce un requisito normativo vincolante, che connota e identifica il prodotto dal punto di vista giuridico, e non invece una mera indicazione descrittiva delle caratteristiche richieste. Sono corretti altresì i rilievi della ricorrente circa l’impossibilità di sopperire alla mancata autorizzazione come “P.M.C” del prodotto offerto attraverso una valutazione di conformità operata in autonomia dalla stazione appaltante".
Venerdì 26 Febbraio 2021
Edilizia scolastica e vincolo espropriativo
CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I, sent. n. 3635/2021 del 12.2.2021- P.F. ed altri contro Comune di Gravina in Puglia (Avv. Giacomo Valla) “L'accertamento delle possibilità legali ed effettive che edificazione di un area ai fini della determinazione dell' indennità di esproprio, va effettuato tenendo conto non solo della destinazione attribuita all’area dal piano regolatore generale o dal piano di fabbricazione, ma anche delle varianti apportate in sede di zonizzazione del territorio, mentre non può tenersi alcun conto delle varianti apportate al piano generale allo specifico scopo di realizzare l'opera che viene contestualmente approvata (varianti cosiddette attuative), giacché tali varianti costituiscono fonte di vincolo preordinato all' esproprio e pertanto non può ad esse essere riconosciuta alcuna incidenza in sede di accertamento della vocazione edificatoria”
Mercoledì 10 Febbraio 2021
Risarcimento danni per lesione del legittimo affidamento e attività provvedimentale della P.A.
CONSIGLIO DI STATO, SEZIONE IV, sent. n. 7220/2020- "Risulta conclamata la colpevole violazione, affermata dagli appellanti, del loro legittimo affidamento da parte dell'amministrazione comunale, che dapprima ha ingenerato il loro legittimo affidamento circa la possibilità di edificare una nuova costruzione previa demolizione del vecchio manufatto, e poi ha reiteratamente adottato provvedimenti - risultati illegittimi - volti ad impedirne la costruzione al fine di ridurre gli oneri connessi alla nuova variante edilizia. Pertanto, l'illegittimità dei provvedimenti che hanno, come sopra evidenziato, impedito la nuova edificazione costituisce il significativo elemento sintomatico di un uso del potere pubblico non conforme a parametri di ragionevolezza e buona fede, suscettibile di aver causato un danno ingiusto agli appellanti."
STUDIO LEGALE VALLA - via Quintino Sella, 36 - 70122 - Bari - P.IVA 02920070725
Questo sito NON utilizza cookie di profilazione.
Sono utilizzati soltanto cookie di sessione e di terze parti legati all’eventuale presenza di Social plugin.
Proseguendo la navigazione del sito o cliccando sul bottone Accetto acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni leggi l’informativa estesa dove sono specificate le modalità per configurali o disattivarli.


Accetto Informativa