Studio Legale Valla

Lunedì 12 Aprile 2021
Covid, cura a domicilio: per il giudice amministrativo «medico deve agire secondo scienza e coscienza»
un contributo dell'Avv. Roberta Valla tratto dall'approfondimento giuridico-economico della Gazzetta del Mezzogiorno nella rubrica "La Bilancia e il Bilancio"

Covid, cura a domicilio: per il giudice amministrativo «medico deve agire secondo scienza e coscienza»

I TAR di tutta Italia e i medici di famiglia stanno invocando tutela del proprio diritto a prescrivere le terapie ritenute più efficaci per i pazienti non ospedalizzati

Dopo più di un anno dall’inizio della terribile pandemia da Covid 19, che continua a mettere a durissima prova la tenuta del Sistema Sanitario Nazionale, la comunità scientifica è unanime nel ribadire che il virus deve essere combattuto a casa, durante le prime e più delicate fasi, nelle quali la tempestività risulta determinante per scongiurare il rapido aggravamento dei sintomi. Ed è per questo che nei TAR di tutta Italia i medici di famiglia stanno invocando tutela del proprio diritto a prescrivere le terapie ritenute più efficaci per i pazienti non ospedalizzati.

Con ordinanza del 2 marzo scorso, il TAR del Lazio ha accolto l’istanza cautelare promossa dal Comitato cura domiciliare Covid 19, nei confronti del Ministero della salute e di AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco), sospendendo la nota del 9 dicembre 2020 recante “principi di gestione dei casi covid19 nel setting domiciliare” consistenti unicamente, secondo le linee guida contenute nella nota ritenuta illegittima, in una “vigile attesa” e nella somministrazione di antifiammatori o paracetamolo.

Il giudice amministrativo ha accolto le istanze dei medici ricorrenti, evidenziato l’importanza di preservare l’autonomia decisionale del medico – tutelata dalla Costituzione e dalla legge - ribadendo che “i medici di base hanno il diritto-dovere, avente giuridica rilevanza sia in sede civile, sia penale, di prescrivere i farmaci che essi ritengono più opportuni secondo scienza e coscienza e che non può essere compresso nell’ottica di una attesa, potenzialmente pregiudizievole sia per il paziente che, sebbene sotto profili diversi, per i medici stessi”.

In realtà, sul tema si era già in parte espresso il Consiglio di Stato, a seguito dell’impugnazione delle raccomandazioni di Aifa nelle quali veniva vietata la somministrazione della idrossiclorochina – un farmaco antimalarico- sulla scorta di studi clinici randomizzati, ritenuti dal Consiglio di Stato non sufficienti, sul piano giuridico, a giustificare “l’irragionevole sospensione del suo utilizzo sul territorio nazionale da parte dei medici curanti”. Già in quella occasione i giudici di Palazzo Spada, in riforma della precedente ordinanza numero 7069 del 16 novembre 2020 del Tar Lazio, aveva evidenziato che la scelta se utilizzare o meno il farmaco, in una situazione di dubbio e di contrasto nella comunità scientifica, sulla base di dati clinici non univoci, dovesse rimettersi all’autonomia decisionale e alla responsabilità del singolo medico, con l’ovvio consenso informato del singolo paziente, e non ad una astratta affermazione di principio, in nome di un modello scientifico puro, declinato da AIFA con un aprioristico e generalizzato, ancorché temporaneo, divieto di utilizzo.

Ferma restando la necessità, ben scolpita nelle pronunce citate, di tutelare il diritto del medico a curare il paziente secondo “scienza e coscienza”, le decisioni del giudice amministrativo confermano l’esigenza di definire linee guida uniformi e fondate su tesi accreditate dalla comunità scientifica, pure nel rispetto della autonomia del medico davanti alla malattia e al caso concreto.

covid-cura-a-domicilio-per-il-giudice-amministrativo-medico-deve-agire-secondo-scienza-e-coscienza.html


Condividi
NEWS
Giovedì 14 Luglio 2022
Diniego di rilascio della Valutazione di Incidenza Ambientale: Illegittima l'applicazione analogica della normativa vincolistica
TAR Lecce, sez. I, sent. n. 1191 del 12.7.2022- G.C. e P.C. (Avv.ti Giacomo Valla e Roberta Valla) contro Regione Puglia e Raggruppamento Carabinieri Biodiversità, Reparto di Martina Franca e Autorità di Bacino Distrettuale dell'Appennino Meridionale- Il Tar Lecce, ribadendo l’illegittimità dell’applicazione analogica di una normativa vincolistica, in quanto tale di stretta interpretazione, ha annullato il provvedimento con cui l’Amministrazione Regionale ha negato la Valutazione di incidenza Ambientale (VINCA) di un intervento di ingegneria naturalistica teso al ripristino della duna preesistente su un’area, prima di un evento alluvionale caratterizzata da un fitto bosco. In particolare, la Regione Puglia aveva illegittimamente “esteso al caso in esame la misura di conservazione dell’habitat 1150* di cui al Reg. Reg. n. 6/2016, che però concerne le “doline di crollo” e non le depressioni del suolo quale quella in esame, determinatesi solo recentemente e non tanto per effetto di un evento naturalistico, quanto soprattutto per il fatto dell’uomo”.
Martedì 26 Aprile 2022
Sentenza "a sorpresa" illegittima per violazione del diritto di difesa e lesione del contraddittorio
Consiglio di Stato, sez.III, sent. n. 3124 del 26.4.2022- Cerichem Biopharm s.r.l. (Avv. Giacomo Valla) contro Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL)
Mercoledì 26 Gennaio 2022
Legittima l'esclusione del Professore incardinato presso il Dipartimento interateneo di Fisica dell'Università degli Studi di Bari dal concorso bandito ex art.18, comma 4, l. 240/2010 dal Politecnico
TAR BARI, Sez. II, sent. n. 93/2022 del 18.7.2022- promosso dal Prof. D. contro l'Università degli Studi di Bari "Aldo Moro" e nei confronti della Prof.ssa A. C. (Avv.ti Giacomo Valla e Roberta Valla)- La censura di pretesa “disparità di trattamento” proposta contro l’esclusione del Prof. D., dipendente dell’Università degli studi di Bari è manifestamente infondata, posto che “si deve escludere in radice" che la posizione della C., ricercatrice dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, possa essere considerata omologa a quella del ricorrente
Martedì 11 Maggio 2021
Illegittima l'automatica dispensa dal servizio per superamento del periodo di aspettativa per infermità ex artt. 68 e 70 del d.P.R. n. 3 del 1957
TAR BARI, Sez. I, sent. n. 827/2021 del 7.5.2021- OMISSIS (Avv.ti Giacomo Valla e Roberta Valla c. Università OMISSIS-"La dispensa dal servizio per superamento del periodo di aspettativa per infermità non può essere disposta in modo automatico, per l’intervenuta scadenza dei richiamati due termini di 18 e 6 mesi – complessivi 24 mesi -, senza essere stata esperita la procedura prescritta dal su citato art. 71 del d.P.R. n. 3 del 1957: sottoposizione dello stesso a visita medico-collegiale con diritto all'assistenza di un sanitario di fiducia ed audizione”
STUDIO LEGALE VALLA - via Quintino Sella, 36 - 70122 - Bari - P.IVA 02920070725
Questo sito NON utilizza cookie di profilazione.
Sono utilizzati soltanto cookie di sessione e di terze parti legati all’eventuale presenza di Social plugin.
Proseguendo la navigazione del sito o cliccando sul bottone Accetto acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni leggi l’informativa estesa dove sono specificate le modalità per configurali o disattivarli.


Accetto Informativa