Studio Legale Valla

Martedì 20 Aprile 2021
Il decalogo per i Magistrati Amministrativi sul corretto uso dei social
Sulla Newsletter di aprile curata dall’Unione Nazionale Avvocati Amministrativisti c’è una mia breve riflessione sulle prime linee guida «sull’uso dei mezzi di comunicazione elettronica e dei social media da parte dei magistrati amministrativi» approvate dal Consiglio di Presidenza della Giustizia amministrativa. 

https://lnkd.in/eFf_KVR

IL DECALOGO PER I MAGISTRATI AMMINISTRATIVI SUL CORRETTO USO DEI SOCIAL

Con l’avvento delle nuove tecnologie, che negli ultimi vent’anni hanno rivoluzionato la comunicazione e tutti gli ambiti del vivere sociale, una questione di indubbia rilevanza è quella legata all’uso adeguato dei social media da parte dei magistrati e, in generale, da parte dei professionisti del settore giustizia.

Le reti sociali sono strumenti ormai imprescindibili della quotidianità ma che, come ammoniva già qualche anno fa il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella “se non amministrati con prudenza e discrezione, possono vulnerare il riserbo che deve contraddistinguere l’azione dei magistrati e potrebbero offuscare la credibilità e il prestigio della funzione giudiziaria”.

L’esigenza di contemperare il diritto dei magistrati al libero utilizzo dei social network con i doveri di imparzialità e connessi al proprio status, ha indotto il Consiglio di Presidenza ad adottare una “Delibera sull’uso dei mezzi di comunicazione elettronica e dei social media da parte dei magistrati amministrativi”.

In realtà, nel contesto sovranazionale simili interventi non rappresentano una novità assoluta: già nel 2019 le Nazioni Unite avevano adottato un documento analogo, il “Non-Binding Guidelines on the Use of Social Media by Judges”, contenente una serie di indicazioni rivolte ai magistrati su un utilizzo sobrio e consapevole delle reti sociali; mentre la stessa CEDU ha avuto modo di affermare che il dovere di discrezione impone ai giudici di evitare comportamenti che potrebbero esporre l’organo giudiziario a critiche immotivate e, naturalmente, di astenersi dal divulgare informazioni chepotrebbero nuocere al buon funzionamento interno dell’organo giudiziario di appartenenza. In quest’ottica, il decalogo adottato della Presidenza è dunque finalizzato a fornire delle più specifiche linee di comportamento condivise, un richiamo al corretto bilanciamento tra il diritto di manifestazione del pensiero del magistrato amministrativo e l’opportunità che, dall’esercizio di tale diritto, non siano intaccate “la dignità, l’integrità, l’imparzialità e l’indipendenza del singolo magistrato, della magistratura amministrativa e delle istituzioni che la rappresentano”.

Il problema assume una dimensione ancor più rilevante soprattutto se si considera che larga parte dei magistrati e degli avvocati non sono nativi digitali e dunque non hanno piena padronanza e consapevolezza delle potenzialità, anche negative, connesse ad un uso non prudente dei propri profili. Non si sta certo sostenendo che un uso – per così dire- troppo disinvolto delle tecnologie riguardi solo i professionisti più anziani, anzi.

Certamente costituisce un invito rivolto anche ai più giovani, spesso abituati a condividere importanti momenti della propria vita professionale con i propri “amici virtuali”.

Appare però indubbio che chi ha avuto sin da giovanissimo la possibilità di intuire la vastità di informazioni carpibili attraverso le piattaforme è indotto ad assumere una maggiore cautela nella condivisione delle notizie e nello strategico posizionamento dei “likes”.
A prescindere dalla vera rilevanza pratica del decalogo (che tutto sommato codifica delle norme di comportamento già appartenenti al comune sentire), esso ha l’indubbio pregio di fotografare un momento decisivo di passaggio nella storia della magistratura e della giustizia italiana, gettando luce su aspetti della vita sociale neanche immaginabili sino ad una decina di anni fa: è stata avvertita l’esigenza di chiarire, ad esempio, che le amicizie sui profili social non sono equiparabili a quelli della vita reale e che “non costituiscono un elemento di per sé rilevante a manifestare la reale consuetudine di rapporto personale richiesta ai fini delle incompatibilità, la cui disciplina, di carattere tassativo, è prevista unicamente nell’art. 51 c.p.c.” ma che, tuttavia, “quando concernono persone coinvolte nell’attività professionale del magistrato devono essere contenute ovvero evitate, allorché essi possano incidere sulla sua immagine di imparzialità”.

Tra gli spunti interessanti che le linee guida offrono, c’è senza dubbio quella del riconoscimento del “diritto ed dovere di ricevere una formazione specifica relativa ai vantaggi e ai rischi derivanti dall'utilizzo dei social media”.
E’ lecito aspettarsi, a questo punto, che tutti gli Ordini Professionali accolgano il velato invito ad avviare iniziative di aggiornamento e formazione in materia», in modo da integrare ed adeguare i principi deontologici alla nuova dimensione sociale della professione.

Roberta Valla


Condividi
NEWS
Venerdì 07 Maggio 2021
Diniego di rinnovo della licenza di porto per uso caccia: l'amministrazione non può decidere in base a meri sospetti e supposizioni immotivate
TAR Bari, Sez. II, sent. n. 812/2021 del 7.5.2021 in tema di rinnovo e rilascio di licenze uso caccia "non può darsi spazio a meri sospetti, supposizioni, o a posizioni prudenziali immotivate, soprattutto in sede di rinnovo di un permesso, invero detenuto il titolo di polizia da decenni, senza alcuna menda, quando non vi siano concreti elementi che depongano in senso contrario".
Mercoledì 17 Marzo 2021
Appalto di fornitura di prodotti sanitari: i gel idroalcolici devono essere Presidi Medico Chirurgici "disinfettanti" e non semplici "igienizzanti"
TAR Friuli Venezia Giulia, SEZ. I, sent. n. 41/2021 del 13.3.2021- CERICHEM Biopharm s.r.l. (Avv.ti Giacomo Valla e Roberta Valla) c. A.R.C.S e Diversey S.P.A. - "L’indicazione “presidio medico-chirurgico”, costituisce un requisito normativo vincolante, che connota e identifica il prodotto dal punto di vista giuridico, e non invece una mera indicazione descrittiva delle caratteristiche richieste. Sono corretti altresì i rilievi della ricorrente circa l’impossibilità di sopperire alla mancata autorizzazione come “P.M.C” del prodotto offerto attraverso una valutazione di conformità operata in autonomia dalla stazione appaltante".
Venerdì 26 Febbraio 2021
Edilizia scolastica e vincolo espropriativo
CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I, sent. n. 3635/2021 del 12.2.2021- P.F. ed altri contro Comune di Gravina in Puglia (Avv. Giacomo Valla) “L'accertamento delle possibilità legali ed effettive che edificazione di un area ai fini della determinazione dell' indennità di esproprio, va effettuato tenendo conto non solo della destinazione attribuita all’area dal piano regolatore generale o dal piano di fabbricazione, ma anche delle varianti apportate in sede di zonizzazione del territorio, mentre non può tenersi alcun conto delle varianti apportate al piano generale allo specifico scopo di realizzare l'opera che viene contestualmente approvata (varianti cosiddette attuative), giacché tali varianti costituiscono fonte di vincolo preordinato all' esproprio e pertanto non può ad esse essere riconosciuta alcuna incidenza in sede di accertamento della vocazione edificatoria”
Mercoledì 10 Febbraio 2021
Risarcimento danni per lesione del legittimo affidamento e attività provvedimentale della P.A.
CONSIGLIO DI STATO, SEZIONE IV, sent. n. 7220/2020- "Risulta conclamata la colpevole violazione, affermata dagli appellanti, del loro legittimo affidamento da parte dell'amministrazione comunale, che dapprima ha ingenerato il loro legittimo affidamento circa la possibilità di edificare una nuova costruzione previa demolizione del vecchio manufatto, e poi ha reiteratamente adottato provvedimenti - risultati illegittimi - volti ad impedirne la costruzione al fine di ridurre gli oneri connessi alla nuova variante edilizia. Pertanto, l'illegittimità dei provvedimenti che hanno, come sopra evidenziato, impedito la nuova edificazione costituisce il significativo elemento sintomatico di un uso del potere pubblico non conforme a parametri di ragionevolezza e buona fede, suscettibile di aver causato un danno ingiusto agli appellanti."
STUDIO LEGALE VALLA - via Quintino Sella, 36 - 70122 - Bari - P.IVA 02920070725
Questo sito NON utilizza cookie di profilazione.
Sono utilizzati soltanto cookie di sessione e di terze parti legati all’eventuale presenza di Social plugin.
Proseguendo la navigazione del sito o cliccando sul bottone Accetto acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni leggi l’informativa estesa dove sono specificate le modalità per configurali o disattivarli.


Accetto Informativa