Studio Legale Valla

Mercoledì 03 Febbraio 2021
Abbreviazione di carriera e corsi di laurea a "numero chiuso": utilizzabili i posti destinati a studenti stranieri
TAR BASILICATA SEZ. I- sent. n. 464/2020 del 15.7.2020 - D.A. (Avv. Giacomo Valla) c. Università degli Studi della Basilicata

In tema di accesso ai corsi universitario a numero programmato, al fine di consentire l'abbreviazione di carriera a coloro che abbiano già sostenuto un percorso di studi affine a quello prescelto, è possibile utilizzare i posti destinati inizialmente agli studenti non comunitari e mai concretamente assegnati.
Tale tesi, secondo il TAR, "non contrasta con lo scopo primario perseguito dalla disciplina del numero programmato a livello nazionale degli accessi ai corsi di laurea.
La riserva di posti in favore degli studenti non comunitari non residenti in Italia non comporta la necessaria e non eludibile spendibilità del titolo di laurea nel paese di origine. Taluni di essi potranno, invero, trovare inserimento in ambito europeo, con incidenza, quindi, proprio sul fabbisogno di professionalità cui si raccorda il parametro programmatorio degli accessi. Non è, infine, di secondario rilievo la circostanza che non tutti gli iscritti nei limiti del numero programmato conseguono il titolo di laurea, così che la capacità di assorbimento del sistema sociale e produttivo del numero dei laureati resta salvaguardato in presenza di un lieve incremento dell’ aliquota inizialmente riservata agli studenti di area comunitaria (in termini, Cons. Stato, sez. VI, 10 settembre 2009, n. 5034; nello stesso senso, id. n. 7869 del 2019). 
In casi simili, infatti, deve essere privilegiata la soluzione “che utilizza tutti i posti disponibili, ponendoli sullo stesso piano, con il risultato da un lato di non sprecare risorse già individuate, dall’altro di garantire un dritto costituzionale della persona quale il diritto allo studio di cui all’art. 34 Cost” (Cons. Stato, n. 7869/2019).

 


Condividi
NEWS
Martedì 26 Aprile 2022
Sentenza "a sorpresa" illegittima per violazione del diritto di difesa e lesione del contraddittorio
Consiglio di Stato, sez.III, sent. n. 3124 del 26.4.2022- Cerichem Biopharm s.r.l. (Avv. Giacomo Valla) contro Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL)
Mercoledì 26 Gennaio 2022
Legittima l'esclusione del Professore incardinato presso il Dipartimento interateneo di Fisica dell'Università degli Studi di Bari dal concorso bandito ex art.18, comma 4, l. 240/2010 dal Politecnico
TAR BARI, Sez. II, sent. n. 93/2022 del 18.7.2022- promosso dal Prof. D. contro l'Università degli Studi di Bari "Aldo Moro" e nei confronti della Prof.ssa A. C. (Avv.ti Giacomo Valla e Roberta Valla)- La censura di pretesa “disparità di trattamento” proposta contro l’esclusione del Prof. D., dipendente dell’Università degli studi di Bari è manifestamente infondata, posto che “si deve escludere in radice" che la posizione della C., ricercatrice dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, possa essere considerata omologa a quella del ricorrente
Martedì 11 Maggio 2021
Illegittima l'automatica dispensa dal servizio per superamento del periodo di aspettativa per infermità ex artt. 68 e 70 del d.P.R. n. 3 del 1957
TAR BARI, Sez. I, sent. n. 827/2021 del 7.5.2021- OMISSIS (Avv.ti Giacomo Valla e Roberta Valla c. Università OMISSIS-"La dispensa dal servizio per superamento del periodo di aspettativa per infermità non può essere disposta in modo automatico, per l’intervenuta scadenza dei richiamati due termini di 18 e 6 mesi – complessivi 24 mesi -, senza essere stata esperita la procedura prescritta dal su citato art. 71 del d.P.R. n. 3 del 1957: sottoposizione dello stesso a visita medico-collegiale con diritto all'assistenza di un sanitario di fiducia ed audizione”
Venerdì 07 Maggio 2021
Diniego di rinnovo della licenza di porto per uso caccia: l'amministrazione non può decidere in base a meri sospetti e supposizioni immotivate
TAR Bari, Sez. II, sent. n. 812/2021 del 7.5.2021-E.G.(Avv.ti Giacomo Valla) c. Ministero dell'Interno - Prefettura e Questura di Bari in tema di rinnovo e rilascio di licenze uso caccia "non può darsi spazio a meri sospetti, supposizioni, o a posizioni prudenziali immotivate, soprattutto in sede di rinnovo di un permesso, invero detenuto il titolo di polizia da decenni, senza alcuna menda, quando non vi siano concreti elementi che depongano in senso contrario".
STUDIO LEGALE VALLA - via Quintino Sella, 36 - 70122 - Bari - P.IVA 02920070725
Questo sito NON utilizza cookie di profilazione.
Sono utilizzati soltanto cookie di sessione e di terze parti legati all’eventuale presenza di Social plugin.
Proseguendo la navigazione del sito o cliccando sul bottone Accetto acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni leggi l’informativa estesa dove sono specificate le modalità per configurali o disattivarli.


Accetto Informativa