Studio Legale Valla

Mercoledì 03 Febbraio 2021
Mancata fruizione del servizio mensa: in assenza di specifico regolamento aziendale ai pubblici dipendenti non spetta alcun risarcimento
TRIBUNALE DI BARI- SEZIONE LAVORO-G.d.L. dott. Giuseppe Craca, sent. n. 3443/2019 del 17/09/2019 G.d.L.; sent. n. 3442/2019 del 17/09/2019- L'art. 29 CCNL Sanità Pubblica 1998/2001 non può considerarsi direttamente produttivo di un diritto soggettivo pieno e tutelabile in capo ai lavoratori, dal momento che gli aspetti di macro gestione e di impiego delle risorse economiche pubbliche attengono a <>

Come ha evidenziato il Giudice del Lavoro di Bari nella succitata pronuncia, stante l'univoco tenore dell’art. 29 CCNL, la fruizione della mensa o del correlativo servizio sostitutivo è subordinata alla compatibilità con l'assetto organizzativo dell'amministrazione e con le risorse finanziarie disponibili.

 

Tale disposizione, di natura meramente programmatica, non attribuisce direttamente ai dipendenti alcun diritto, ma indica la disciplina applicabile all'atto della concreta erogazione del servizio.

Sicché, sino a quella data (che nel caso di specie coincide con l’adozione del regolamento sperimentale dell’1/7/2014), non sussiste alcun diritto in capo ai dipendenti.

In riferimento all’art. 29 CCNL Sanità Pubblica 1998/2001, in particolare, il Giudice del Lavoro ha evidenziato che <<con la scelta letterale del termine “possono” le parti sociali stipulanti i contratti collettivi nazionali del 2001 e del 2004, […] hanno volontariamente imboccato la diversa via di lasciare all’amministrazione un ampio margine di valutazione, senza la previsione di una posizione soggettiva tutelabile in capo agli addetti e con l’effetto di procurare una soluzione di continuità rispetto al passato

Dunque, sia l’enunciato “istituire mense di servizio”, sia l’enunciato “o, in alternativa, garantire l’esercizio del diritto di mensa con modalità sostitutive” sono retti dal verbo “possono” che, per il suo significato letterale, esprime il concetto di facoltà e non di dovere>>.

Con riguardo al canone della compatibilità della istituzione dei servizi di mensa con le risorse economiche disponibili, il Tribunale ha confermato che <<un tale enunciato normativo non può considerarsi direttamente produttivo di un diritto soggettivo pieno e tutelabile in capo ai lavoratori>> dal momento che gli aspetti di macro gestione e di impiego delle risorse economiche pubbliche attengono a <<profili immanenti al modo di essere del SSN, sottratti per definizione al controllo giudiziario, siccome riservati alla potestà organizzativa dell’ente pubblico datore nell’ambito delle diverse possibili opzioni, latu sensu, politiche>> 


Condividi
NEWS
Martedì 26 Aprile 2022
Sentenza "a sorpresa" illegittima per violazione del diritto di difesa e lesione del contraddittorio
Consiglio di Stato, sez.III, sent. n. 3124 del 26.4.2022- Cerichem Biopharm s.r.l. (Avv. Giacomo Valla) contro Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL)
Mercoledì 26 Gennaio 2022
Legittima l'esclusione del Professore incardinato presso il Dipartimento interateneo di Fisica dell'Università degli Studi di Bari dal concorso bandito ex art.18, comma 4, l. 240/2010 dal Politecnico
TAR BARI, Sez. II, sent. n. 93/2022 del 18.7.2022- promosso dal Prof. D. contro l'Università degli Studi di Bari "Aldo Moro" e nei confronti della Prof.ssa A. C. (Avv.ti Giacomo Valla e Roberta Valla)- La censura di pretesa “disparità di trattamento” proposta contro l’esclusione del Prof. D., dipendente dell’Università degli studi di Bari è manifestamente infondata, posto che “si deve escludere in radice" che la posizione della C., ricercatrice dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, possa essere considerata omologa a quella del ricorrente
Martedì 11 Maggio 2021
Illegittima l'automatica dispensa dal servizio per superamento del periodo di aspettativa per infermità ex artt. 68 e 70 del d.P.R. n. 3 del 1957
TAR BARI, Sez. I, sent. n. 827/2021 del 7.5.2021- OMISSIS (Avv.ti Giacomo Valla e Roberta Valla c. Università OMISSIS-"La dispensa dal servizio per superamento del periodo di aspettativa per infermità non può essere disposta in modo automatico, per l’intervenuta scadenza dei richiamati due termini di 18 e 6 mesi – complessivi 24 mesi -, senza essere stata esperita la procedura prescritta dal su citato art. 71 del d.P.R. n. 3 del 1957: sottoposizione dello stesso a visita medico-collegiale con diritto all'assistenza di un sanitario di fiducia ed audizione”
Venerdì 07 Maggio 2021
Diniego di rinnovo della licenza di porto per uso caccia: l'amministrazione non può decidere in base a meri sospetti e supposizioni immotivate
TAR Bari, Sez. II, sent. n. 812/2021 del 7.5.2021-E.G.(Avv.ti Giacomo Valla) c. Ministero dell'Interno - Prefettura e Questura di Bari in tema di rinnovo e rilascio di licenze uso caccia "non può darsi spazio a meri sospetti, supposizioni, o a posizioni prudenziali immotivate, soprattutto in sede di rinnovo di un permesso, invero detenuto il titolo di polizia da decenni, senza alcuna menda, quando non vi siano concreti elementi che depongano in senso contrario".
STUDIO LEGALE VALLA - via Quintino Sella, 36 - 70122 - Bari - P.IVA 02920070725
Questo sito NON utilizza cookie di profilazione.
Sono utilizzati soltanto cookie di sessione e di terze parti legati all’eventuale presenza di Social plugin.
Proseguendo la navigazione del sito o cliccando sul bottone Accetto acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni leggi l’informativa estesa dove sono specificate le modalità per configurali o disattivarli.


Accetto Informativa