Studio Legale Valla

Mercoledì 07 Ottobre 2015
APPALTO DA 150 MILIONI. RICORSO ACCOLTO. GARA A SEI PER I RIFIUTI
Tratto dal Corriere del Mezzogiorno di Venerdì 18 settembre 2015
Sono sei le società che si contendono l’appalto da quasi 150 milioni di euro (per 7 anni) di raccolta e trasporto rifiuti e igiene urbana nei Comuni di Altamura, Gravina, Santeramo in Colle, Toritto, Cassano delle Murge, Poggiorsini e Grumo Appula, ricadenti dell’Aro Bari 4.

L’appalto è stato bandito, per conto dell’Unione dei Comuni dell’Alta Murgia, dalla Consip nel dicembre 2014. Ora il Consiglio di Stato, con un’ordinanza, ha riammesso in gara il consorzio milanese Ambiente 2.0 (in raggruppamento d’impresa con Navita s.r.l. di Modugno e Direnzo s.r.l. di Altamura), escluso a maggio perché la cauzione versata non era stata ritenuta valida. La commissione aveva fissato una proroga per il versamento, ma di soli dieci giorni. Ambiente 2.0 aveva perciò chiesto un’ulteriore proroga per individuare un intermediatore finanziario, ma l’istanza era stata respinta. L’azienda, rappresentata dall’avvocato Giacomo Valla, ha perciò proposto ricorso al TAR contro la Consip per la sospensiva, ma in primo grado questa era stata negata. Di qui il ricorso al Consiglio di Stato, che si è concluso con l’accoglimento dell’istanza cautelare e la riammissione in gara della Ambiente 2.0. Ora la commissione di gara dovrà procedere alla valutazione dell’offerta.

Condividi
NEWS
Giovedì 14 Luglio 2022
Diniego di rilascio della Valutazione di Incidenza Ambientale: Illegittima l'applicazione analogica della normativa vincolistica
TAR Lecce, sez. I, sent. n. 1191 del 12.7.2022- G.C. e P.C. (Avv.ti Giacomo Valla e Roberta Valla) contro Regione Puglia e Raggruppamento Carabinieri Biodiversità, Reparto di Martina Franca e Autorità di Bacino Distrettuale dell'Appennino Meridionale- Il Tar Lecce, ribadendo l’illegittimità dell’applicazione analogica di una normativa vincolistica, in quanto tale di stretta interpretazione, ha annullato il provvedimento con cui l’Amministrazione Regionale ha negato la Valutazione di incidenza Ambientale (VINCA) di un intervento di ingegneria naturalistica teso al ripristino della duna preesistente su un’area, prima di un evento alluvionale caratterizzata da un fitto bosco. In particolare, la Regione Puglia aveva illegittimamente “esteso al caso in esame la misura di conservazione dell’habitat 1150* di cui al Reg. Reg. n. 6/2016, che però concerne le “doline di crollo” e non le depressioni del suolo quale quella in esame, determinatesi solo recentemente e non tanto per effetto di un evento naturalistico, quanto soprattutto per il fatto dell’uomo”.
Martedì 26 Aprile 2022
Sentenza "a sorpresa" illegittima per violazione del diritto di difesa e lesione del contraddittorio
Consiglio di Stato, sez.III, sent. n. 3124 del 26.4.2022- Cerichem Biopharm s.r.l. (Avv. Giacomo Valla) contro Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL)
Mercoledì 26 Gennaio 2022
Legittima l'esclusione del Professore incardinato presso il Dipartimento interateneo di Fisica dell'Università degli Studi di Bari dal concorso bandito ex art.18, comma 4, l. 240/2010 dal Politecnico
TAR BARI, Sez. II, sent. n. 93/2022 del 18.7.2022- promosso dal Prof. D. contro l'Università degli Studi di Bari "Aldo Moro" e nei confronti della Prof.ssa A. C. (Avv.ti Giacomo Valla e Roberta Valla)- La censura di pretesa “disparità di trattamento” proposta contro l’esclusione del Prof. D., dipendente dell’Università degli studi di Bari è manifestamente infondata, posto che “si deve escludere in radice" che la posizione della C., ricercatrice dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, possa essere considerata omologa a quella del ricorrente
Martedì 11 Maggio 2021
Illegittima l'automatica dispensa dal servizio per superamento del periodo di aspettativa per infermità ex artt. 68 e 70 del d.P.R. n. 3 del 1957
TAR BARI, Sez. I, sent. n. 827/2021 del 7.5.2021- OMISSIS (Avv.ti Giacomo Valla e Roberta Valla c. Università OMISSIS-"La dispensa dal servizio per superamento del periodo di aspettativa per infermità non può essere disposta in modo automatico, per l’intervenuta scadenza dei richiamati due termini di 18 e 6 mesi – complessivi 24 mesi -, senza essere stata esperita la procedura prescritta dal su citato art. 71 del d.P.R. n. 3 del 1957: sottoposizione dello stesso a visita medico-collegiale con diritto all'assistenza di un sanitario di fiducia ed audizione”
STUDIO LEGALE VALLA - via Quintino Sella, 36 - 70122 - Bari - P.IVA 02920070725
Questo sito NON utilizza cookie di profilazione.
Sono utilizzati soltanto cookie di sessione e di terze parti legati all’eventuale presenza di Social plugin.
Proseguendo la navigazione del sito o cliccando sul bottone Accetto acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni leggi l’informativa estesa dove sono specificate le modalità per configurali o disattivarli.


Accetto Informativa