Studio Legale Valla

Venerdì 05 Febbraio 2021
Concorso universitario riservato agli esterni: interpretazione dell'art.18 della Legge Gelmini
TAR BARI SEZ.I- sent.n. 245/2021 del 5 febbraio 2021- A.D.D. c. Università degli Studi di Bari e A.C. (Avv. G. Valla e R. Valla)- In tema di chiamata di Professori ai sensi dell'art. 18, comma 4, della l. 240/2010, non può attribuirsi un’accezione ampia, al di là del dato letterale, al concetto di prestazione di servizio, in quanto un ampliamento del significato, con conseguente allargamento delle situazioni ostative alla partecipazione alla procedura di reclutamento, finirebbe per limitarne fortemente ed ingiustificatamente la partecipazione stessa in violazione del principio della massima partecipazione

L'art. 18, comma 4, l. 240/2010  rubricata “Chiamata dei professori”, dispone - nella formulazione letterale applicabile ratione temporis - che “Ciascuna università statale, nell’ambito della programmazione triennale, vincola le risorse corrispondenti ad almeno un quinto dei posti disponibili di professore di ruolo alla chiamata di coloro che nell’ultimo triennio non hanno prestato servizio, o non sono stati titolari di assegni di ricerca ovvero iscritti a corsi universitari nell'università stessa”.

Per pacifico orientamento della giurisprudenza amministrativa, la norma citata dev’esser intesa nel senso di consentire (non obbligare) che le Università riservino una parte del loro bilancio per la chiamata di professori di I e di II fascia mercé procedure concorsuali riservate alla partecipazione di soggetti esterni alla università “e ciò allo scopo di acquisire competenze professionali formatesi in un diverso contesto culturale e, perciò, maggiormente idonee a garantire quel fermento e quel ricambio di idee che dovrebbe caratterizzare un ambiente accademico”.

Appare poi opportuno ricordare che la norma trascritta è stata così modificata dalla L. n. 232/2016, che ha inciso, in senso ampliativo, sulla sua portata applicativa.

Il TAR Bari, ha accolto le tesi della Professoressa controinteressata (difesa dagli Avv.ti Valla), evidenziando che "l'art. 18, comma 4, della l. n. 240/2010 tipizza, in via tassonomica, tre categorie di aspiranti alla procedura cui è preclusa la partecipazione: i professori in servizio, i titolari di assegno di ricerca, gli iscritti ai corsi universitari nell’ultimo triennio”.
In particolare, ha stabilito il Collegio, non può attribuirsi un’accezione ampia, al di là del dato letterale, al concetto di prestazione di servizio, in quanto un ampliamento del significato, con conseguente allargamento delle situazioni ostative alla partecipazione alla procedura di reclutamento, finirebbe per limitarne fortemente ed ingiustificatamente la partecipazione stessa in violazione del principio della massima partecipazione.D’altronde, il possibile pericolo di poter consentire la partecipazione di persone ‘note’ nell’ambito dell’Ateneo procedente, in quanto già destinatarie nell’ultimo triennio di contratti di insegnamento con lo stesso, ben può esser scongiurato con ordinari strumenti di difesa della correttezza dell’azione amministrativa, quali le disposizioni in materia di “conflitto di interessi” che la stessa legge n. 240 del 2010, nonché, in via più generale, la legge n. 241 del 1990 e, in particolare, l’art. 6 bis, recano".


Condividi
NEWS
Giovedì 14 Luglio 2022
Diniego di rilascio della Valutazione di Incidenza Ambientale: Illegittima l'applicazione analogica della normativa vincolistica
TAR Lecce, sez. I, sent. n. 1191 del 12.7.2022- G.C. e P.C. (Avv.ti Giacomo Valla e Roberta Valla) contro Regione Puglia e Raggruppamento Carabinieri Biodiversità, Reparto di Martina Franca e Autorità di Bacino Distrettuale dell'Appennino Meridionale- Il Tar Lecce, ribadendo l’illegittimità dell’applicazione analogica di una normativa vincolistica, in quanto tale di stretta interpretazione, ha annullato il provvedimento con cui l’Amministrazione Regionale ha negato la Valutazione di incidenza Ambientale (VINCA) di un intervento di ingegneria naturalistica teso al ripristino della duna preesistente su un’area, prima di un evento alluvionale caratterizzata da un fitto bosco. In particolare, la Regione Puglia aveva illegittimamente “esteso al caso in esame la misura di conservazione dell’habitat 1150* di cui al Reg. Reg. n. 6/2016, che però concerne le “doline di crollo” e non le depressioni del suolo quale quella in esame, determinatesi solo recentemente e non tanto per effetto di un evento naturalistico, quanto soprattutto per il fatto dell’uomo”.
Martedì 26 Aprile 2022
Sentenza "a sorpresa" illegittima per violazione del diritto di difesa e lesione del contraddittorio
Consiglio di Stato, sez.III, sent. n. 3124 del 26.4.2022- Cerichem Biopharm s.r.l. (Avv. Giacomo Valla) contro Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL)
Mercoledì 26 Gennaio 2022
Legittima l'esclusione del Professore incardinato presso il Dipartimento interateneo di Fisica dell'Università degli Studi di Bari dal concorso bandito ex art.18, comma 4, l. 240/2010 dal Politecnico
TAR BARI, Sez. II, sent. n. 93/2022 del 18.7.2022- promosso dal Prof. D. contro l'Università degli Studi di Bari "Aldo Moro" e nei confronti della Prof.ssa A. C. (Avv.ti Giacomo Valla e Roberta Valla)- La censura di pretesa “disparità di trattamento” proposta contro l’esclusione del Prof. D., dipendente dell’Università degli studi di Bari è manifestamente infondata, posto che “si deve escludere in radice" che la posizione della C., ricercatrice dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, possa essere considerata omologa a quella del ricorrente
Martedì 11 Maggio 2021
Illegittima l'automatica dispensa dal servizio per superamento del periodo di aspettativa per infermità ex artt. 68 e 70 del d.P.R. n. 3 del 1957
TAR BARI, Sez. I, sent. n. 827/2021 del 7.5.2021- OMISSIS (Avv.ti Giacomo Valla e Roberta Valla c. Università OMISSIS-"La dispensa dal servizio per superamento del periodo di aspettativa per infermità non può essere disposta in modo automatico, per l’intervenuta scadenza dei richiamati due termini di 18 e 6 mesi – complessivi 24 mesi -, senza essere stata esperita la procedura prescritta dal su citato art. 71 del d.P.R. n. 3 del 1957: sottoposizione dello stesso a visita medico-collegiale con diritto all'assistenza di un sanitario di fiducia ed audizione”
STUDIO LEGALE VALLA - via Quintino Sella, 36 - 70122 - Bari - P.IVA 02920070725
Questo sito NON utilizza cookie di profilazione.
Sono utilizzati soltanto cookie di sessione e di terze parti legati all’eventuale presenza di Social plugin.
Proseguendo la navigazione del sito o cliccando sul bottone Accetto acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni leggi l’informativa estesa dove sono specificate le modalità per configurali o disattivarli.


Accetto Informativa