Studio Legale Valla

Martedì 11 Maggio 2021
Illegittima l'automatica dispensa dal servizio per superamento del periodo di aspettativa per infermità ex artt. 68 e 70 del d.P.R. n. 3 del 1957
TAR BARI, Sez. I, sent. n. 827/2021 del 7.5.2021- OMISSIS (Avv.ti Giacomo Valla e Roberta Valla c. Università OMISSIS-"La dispensa dal servizio per superamento del periodo di aspettativa per infermità non può essere disposta in modo automatico, per l’intervenuta scadenza dei richiamati due termini di 18 e 6 mesi – complessivi 24 mesi -, senza essere stata esperita la procedura prescritta dal su citato art. 71 del d.P.R. n. 3 del 1957: sottoposizione dello stesso a visita medico-collegiale con diritto all'assistenza di un sanitario di fiducia ed audizione”

In tema di dispensa dal servizio per superamento del periodo di aspettativa per infermità , l'art. 71 del D.P.R. n. 3 del 1957 dispone che “Scaduto il periodo massimo previsto per l'aspettativa per infermità dall'art. 68 o dall'art. 70, l'impiegato che risulti non idoneo per infermità a riprendere servizio è dispensato ove non sia possibile utilizzarlo, su domanda, in altri compiti attinenti alla sua qualifica (comma 1). Si applicano al procedimento di dispensa le norme di cui agli artt. 129 e 130 (comma 2)”.

L'intervenuta scadenza del periodo massimo di aspettativa per motivi di salute non comporta automaticamente l'estinzione del rapporto di servizio del dipendente, come ha opinato nella specie l’Amministrazione, ma attribuisce all'Ente la potestà di istaurare il procedimento di dispensa per motivi di salute nei suoi confronti, accertando mediante visita collegiale le relative condizioni di salute. Questo deve avvenire non prima ma dopo la scadenza del periodo massimo di aspettativa, come è precisato dall'art. 71 d.p.r. n. 3 del 1957 che rinvia agli art. 129 e 130 stesso decreto (l’abrogazione dell’art. 130 comporta il rinvio al d.p.r. 29.10.2001 n. 461, a norma di quanto espressamente dispone l’art. 19 del regolamento da ultimo citato).

Le fasi del procedimento inteso a conseguire la dispensa dal servizio del dipendente divenuto inabile per motivi di salute, contemplate dagli art. 71, 129 e 130 T.U. n. 3/57, in quanto destinate a tutelare l'impiegato nei cui confronti dovrà essere adottato il grave provvedimento della dispensa, devono essere rigorosamente seguite nella loro logica successione, pena l'illegittimità del provvedimento finale adottato (Cons. St., Sez. IV, 8.11.1994 n. 864).

 Nel caso d specie, il provvedimento di dispensa era stato assunto nei riguardi del ricorrente “in modo automatico, per l’intervenuta scadenza dei richiamati due termini di 18 e 6 mesi – complessivi 24 mesi -, senza essere stata esperita la procedura prescritta dal su citato art. 71 del d.P.R. n. 3 del 1957: sottoposizione dello stesso a visita medico-collegiale con diritto all'assistenza di un sanitario di fiducia ed audizione”, in manifesta violazione della citata disposizione normativa.

 Peraltro, come rilevato dal Collegio “nelle more del giudizio è intervenuta la sentenza della Corte costituzionale n. 28 del 2021, che ha ritenuto illegittimo l’art. 68 del d.P.R. n. 3 del 1957 (la cui applicazione nella specie è presupposta, avendo l’Amministrazione considerato il superamento del termine di 18 mesi ivi previsto e immediatamente dopo quello ulteriore di 6 mesi indicato all’art. 70), nella parte in cui, per il caso di gravi patologie che richiedano terapie temporaneamente e/o parzialmente invalidanti, non esclude dal computo dei consentiti diciotto mesi di assenza per malattia i giorni di ricovero ospedaliero o di day hospital e quelli di assenza dovuti alle conseguenze certificate delle terapie”. Ha osservato la Corte, infatti, che il mancato riconoscimento del periodo di comporto “manifesta una intrinseca irrazionalità che lo rende costituzionalmente illegittimo per violazione, sotto questo diverso profilo, dell’art. 3 Cost., con assorbimento del residuo parametro (art. 32 Cost.)”.

Di conseguenza, il provvedimento impugnato ha fatto applicazione di una norma costituzionalmente illegittima, avendo considerato nel periodo massimo di aspettativa per infermità anche i periodi in cui il ricorrente è stato ricoverato in struttura ospedaliera per gravi patologie, è stato annullato dal Tar.

 


Condividi
NEWS
Martedì 26 Aprile 2022
Sentenza "a sorpresa" illegittima per violazione del diritto di difesa e lesione del contraddittorio
Consiglio di Stato, sez.III, sent. n. 3124 del 26.4.2022- Cerichem Biopharm s.r.l. (Avv. Giacomo Valla) contro Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL)
Mercoledì 26 Gennaio 2022
Legittima l'esclusione del Professore incardinato presso il Dipartimento interateneo di Fisica dell'Università degli Studi di Bari dal concorso bandito ex art.18, comma 4, l. 240/2010 dal Politecnico
TAR BARI, Sez. II, sent. n. 93/2022 del 18.7.2022- promosso dal Prof. D. contro l'Università degli Studi di Bari "Aldo Moro" e nei confronti della Prof.ssa A. C. (Avv.ti Giacomo Valla e Roberta Valla)- La censura di pretesa “disparità di trattamento” proposta contro l’esclusione del Prof. D., dipendente dell’Università degli studi di Bari è manifestamente infondata, posto che “si deve escludere in radice" che la posizione della C., ricercatrice dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, possa essere considerata omologa a quella del ricorrente
Martedì 11 Maggio 2021
Illegittima l'automatica dispensa dal servizio per superamento del periodo di aspettativa per infermità ex artt. 68 e 70 del d.P.R. n. 3 del 1957
TAR BARI, Sez. I, sent. n. 827/2021 del 7.5.2021- OMISSIS (Avv.ti Giacomo Valla e Roberta Valla c. Università OMISSIS-"La dispensa dal servizio per superamento del periodo di aspettativa per infermità non può essere disposta in modo automatico, per l’intervenuta scadenza dei richiamati due termini di 18 e 6 mesi – complessivi 24 mesi -, senza essere stata esperita la procedura prescritta dal su citato art. 71 del d.P.R. n. 3 del 1957: sottoposizione dello stesso a visita medico-collegiale con diritto all'assistenza di un sanitario di fiducia ed audizione”
Venerdì 07 Maggio 2021
Diniego di rinnovo della licenza di porto per uso caccia: l'amministrazione non può decidere in base a meri sospetti e supposizioni immotivate
TAR Bari, Sez. II, sent. n. 812/2021 del 7.5.2021-E.G.(Avv.ti Giacomo Valla) c. Ministero dell'Interno - Prefettura e Questura di Bari in tema di rinnovo e rilascio di licenze uso caccia "non può darsi spazio a meri sospetti, supposizioni, o a posizioni prudenziali immotivate, soprattutto in sede di rinnovo di un permesso, invero detenuto il titolo di polizia da decenni, senza alcuna menda, quando non vi siano concreti elementi che depongano in senso contrario".
STUDIO LEGALE VALLA - via Quintino Sella, 36 - 70122 - Bari - P.IVA 02920070725
Questo sito NON utilizza cookie di profilazione.
Sono utilizzati soltanto cookie di sessione e di terze parti legati all’eventuale presenza di Social plugin.
Proseguendo la navigazione del sito o cliccando sul bottone Accetto acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni leggi l’informativa estesa dove sono specificate le modalità per configurali o disattivarli.


Accetto Informativa